Mauro Bazzini: “La mia Milano ha un potenziale musicale enorme, che deve essere utilizzato meglio”

E’ l’unico milanese doc dei Mo’ Better Swing, il gruppo musicale che ha fondato nel 2010 insieme al suo amico Mario Belluscio. E da sempre vive a Milano, la sua città natale e il luogo in cui si riconosce naturalmente, da vero artista metropolitano, nonostante le sue numerose sortite lavorative italiane ed estere. Mauro Bazzini, 54 anni da compiere il prossimo 28 maggio, raffinato chitarrista e “leader senza volto” dell’elegante band meneghina, ha fin qui percorso il cammino della sua vita personale e professionale fra il Giambellino e il Gratosoglio. Studia e suona il suo strumento da quand’era un bambino, frequentando fin da ragazzo gli scantinati umidi in cui hanno provato e riprovato i loro pezzi i complessi musicali che ha riunito e dei quali ha fatto parte. “L’idea del frontman irriconoscibile, nascosto in pubblico da una maschera, è nata per dare maggiore risalto alla bravura del gruppo”, rivela Bazzini. “L’esordio ufficiale di questa nuova tendenza comunicativa è avvenuto con l’uscita, il 12 aprile scorso, di “Swinky”, il nostro nuovo disco, che fonde, anche nel titolo, i generi swing e funky, con qualche incursione anche nel rap. I testi, tutti in italiano, affrontano importanti temi di attualità, con analisi spesso taglienti e comunque con leggerezza, sarcasmo e ironia. Il messaggio arriva immediatamente all’ascoltatore, che poi lo interpreta ovviamente a modo suo”. Bazzini, sposato e con un figlio di 11 anni, è anche un grande appassionato di tennis (“Sono un tifoso sfegatato di Roger Federer e lo sono stato, in passato, anche di Adriano Panatta”, confessa), di cinema e di letteratura. “E ho amato tanto anche la politica”, aggiunge, “ma il suo progressivo decadimento mi ha allontanato da questa passione. Preferisco coltivare le buone amicizie, che mi danno sicuramente più soddisfazione”. Da milanese doc (soggetti sempre più rari, oggi, nella nostra città), Bazzini è una delle persone più adatte a tracciarne un profilo, cogliendone gli aspetti più importanti del suo costante cambiamento, di metropoli perennemente in movimento. “Trovo che Milano abbia ben sfruttato, da qualche anno a questa parte, le occasioni che le si sono presentate”, afferma. “Penso soprattutto ad Expo e ai suoi effetti collaterali, ma anche, azzardando un’analisi di carattere sociologico, che sia stata davvero unica nell’affrontare la sfida delle emergenze: dall’immigrazione alla lotta al malaffare e alla povertà. Intendo dire che certe sfide non sono senz’altro vinte e si può (e si deve) fare meglio, ma che Milano abbia comunque saputo gestirle, finora, come nessun’altra grande città in Italia”.

Tu lavori nel mondo della musica, un osservatorio privilegiato sulla città. Ma è davvero privilegiato, questo osservatorio? Qual è, a tuo avviso, lo stato dell’arte, riguardo la musica, qui da noi? E quali contributi ha portato, secondo te (se lo ha portato) lo sviluppo della Rete e dei Social Network?

“Musicalmente Milano è una città con un potenziale enorme, che non riesce a tradursi appieno in una vera e propria proposta artistica per il pubblico. Il patrimonio di competenze del panorama milanese, in tutti i generi, è davvero impressionante. La città sconta, però, la più generale difficoltà di divulgazione della cultura in questo Paese, la mancanza di sostegno pubblico e l’assoluta dipendenza dall’impresa privata, che si traduce quasi sempre in due diversi aspetti: da un lato la ricerca del profitto (chi investe lo fa per avere un immediato rientro sul piano economico, anche a dispetto del puro valore artistico) e dall’altro il rischio che la musica funga da semplice corollario ad altri contenuti (la musica come mero “contorno” di eventi commerciali o benefici). Beninteso che nel secondo caso l’operazione è comunque meritoria e spesso complessivamente interessante, ma la musica, di per sé, non è la protagonista”.

Movida e musica all’aperto: come stiamo a Milano?

“Mi sembra che ci si trovi di fronte all’eterna lotta tra due diverse esigenze: la quiete pubblica e la voglia di evasione. Secondo me si risolve soltanto con una comunicazione efficace delle contrapposte istanze, che miri all’accettazione di regole universalmente accettate”.

Ha ancora senso parlare di musica milanese? Non è un po’ fuori dal tempo ascoltare canzoni in dialetto meneghino?

“Una cosa è la canzone dialettale meneghina classica, l’altra, invece, quel filone musicale che ha sempre parlato delle trasformazioni della società milanese alla prova della sfida dei tempi. In questo secondo caso penso soprattutto alla Milano di Jannacci, di Gaber, delle canzoni della “mala”, dei canti della Milano periferica e operaia. Questo secondo filone è più vivo che mai, grazie alla nuova scuola milanese di grandi artisti come Carlo Fava, Folco Orselli, Claudio Sanfilippo e molti altri, che fino a poco tempo fa avevano nella “Salumeria della Musica” di Massimo Genchi la loro casa-madre”.

Milano ha sempre avuto un respiro più ampio dei suoi confini. Tutto quello che la riguarda interessa sia a livello nazionale che internazionale. Pensi che sia in grado, anche oggi, di interpretare questo ruolo? Oppure è stata “colonizzata”, nel senso che questo interesse esterno ha prodotto investimenti economici e finanziari che hanno portato imprenditori, finanzieri e banchieri ad impadronirsene?

“Beh, Milano è sempre stata feudo della grande finanza, che ne ha sempre condizionato la vita. Penso a Enrico Cuccia, alla commistione tra affari e politica degli anni del Craxismo e del successivo Berlusconismo. Ora la finanza è molto più globale e tutto reagisce di conseguenza, ma Milano è sempre stata “vicino all’Europa” (come cantava Lucio Dalla, che continuava, non a caso, con “Milano che banche, che cambi…”) e non può sfuggire alla sua dimensione internazionale”.

Che opinione hai del fenomeno dell’immigrazione a Milano?

“Io, come sai, ho un’idea molto radicale sul fenomeno. Non nego che il mancato governo del processo, ma soprattutto la sua strumentalizzazione, sia causa di disordine sociale, ma preferisco vedere l’immigrazione come un fenomeno epocale inevitabile, frutto anche e soprattutto dello sfruttamento di risorse e popoli che noi occidentali abbiamo perpetrato nel passato e che continuiamo a perpetrare nel presente, programmandolo anche per il futuro. Quello che vediamo come effetto collaterale deleterio è l’emarginazione e la lotta tra poveri. Milano però, ancora una volta, ha saputo mettere in campo progetti che le sono valsi il plauso internazionale e che sono stati copiati da altre realtà, fuori e dentro l’Italia. Ha reagito mettendo in campo sinergie tra diversi soggetti (pubblici e privati) e ha retto la sfida meglio di altre città”.

Per concludere, Mauro: Come vedi il futuro di Milano, in relazione anche all’attuale situazione italiana e internazionale?

“Ho l’impressione che nel bene e nel male (ma soprattutto nel bene) Milano continui a fare corsa a sé. Come sempre anticipa tendenze e reagisce con prontezza ai cambiamenti. E’ una città globale e lo sarà sempre di più. A mio avviso manca un po’ di coraggio in alcune scelte di politiche sociali, ma in questo risente della cronica incapacità della politica italiana di pensare a un futuro che vada oltre la prossima scadenza elettorale. Tutto sommato, però, si è meritata, specie negli ultimi dieci anni, il rango internazionale che tutti le riconoscono”.

Ermanno Accardi (giornalista e scrittore)

11 Replies to “Mauro Bazzini: “La mia Milano ha un potenziale musicale enorme, che deve essere utilizzato meglio””

  1. reebok outlet ha detto:

    I enjoy you because of every one of your hard work on this web site. My mom really loves working on investigations and it’s really easy to see why. Most of us learn all about the lively medium you produce powerful ideas by means of the blog and welcome participation from visitors about this area and our child is actually starting to learn a whole lot. Enjoy the remaining portion of the new year. You are performing a very good job.

  2. ferragamo belts ha detto:

    I wish to express my appreciation to this writer for bailing me out of this challenge. After looking throughout the search engines and meeting proposals that were not powerful, I figured my entire life was gone. Being alive without the presence of solutions to the issues you have solved by means of your guide is a critical case, and the kind which may have badly damaged my career if I had not encountered your blog post. Your ability and kindness in playing with the whole lot was excellent. I don’t know what I would have done if I had not encountered such a step like this. I’m able to now relish my future. Thanks for your time so much for this reliable and sensible help. I will not hesitate to suggest your web sites to anybody who would like tips on this issue.

  3. Google ha detto:

    Hiya, I’m really glad I’ve found this info. Nowadays bloggers publish only about gossip and net stuff and this is really annoying. A good website with exciting content, that is what I need. Thank you for making this web-site, and I will be visiting again. Do you do newsletters by email?

  4. balenciaga shoes ha detto:

    I definitely wanted to compose a brief comment so as to appreciate you for some of the marvelous facts you are showing on this site. My prolonged internet lookup has at the end of the day been honored with awesome facts and techniques to write about with my guests. I would mention that many of us visitors actually are truly lucky to be in a fantastic website with many lovely people with very beneficial tips. I feel truly lucky to have encountered the webpage and look forward to so many more excellent moments reading here. Thanks once more for everything.

  5. Alfreda Chayka ha detto:

    What i do not understood is actually how you’re not really much more well-liked than you may be now. You are so intelligent. You realize thus significantly relating to this subject, produced me personally consider it from numerous varied angles. Its like women and men aren’t fascinated unless it is one thing to accomplish with Lady gaga! Your own stuffs excellent. Always maintain it up!

  6. You ought to indulge in a contest for one of the finest blogs on the internet. I am going to suggest this great site!

  7. oflewskii ha detto:

    Great information. Lucky me I came across your blog by accident (stumbleupon). I have saved as a favorite for later!

  8. webtalk ha detto:

    I’d like to thank you for the efforts you’ve put in penning this site. I’m hoping to view the same high-grade content from you later on as well. In fact, your creative writing abilities has inspired me to get my own blog now 😉

  9. my past lives ha detto:

    This page reminds me of the other page I found earlier

  10. Thanks a lot for this particular information I had been exploring all Msn to be able to discover it!

  11. I simply want to say I’m new to weblog and certainly loved your website. More than likely I’m planning to bookmark your blog . You absolutely come with excellent articles and reviews. Kudos for sharing your blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *