Claudio Sanfilippo: “A Milano ci sono musicisti di valore, ma oggi all’appello mancano i luoghi per dare voce alla qualità”

Il cognome tradisce origini diverse da quelle milanesi. Ma lui è nato qui ed è uno degli uomini e degli artisti che più incarnano l’anima di questa città. Cantautore, chitarrista e scrittore, Claudio Sanfilippo, 59 anni proprio oggi, rappresenta la milanesità nel senso più ampio del termine. Uomo intenso, legato alle tradizioni e al tempo stesso aperto e soprattutto attento ai cambiamenti continui del luogo in cui vive, una Milano che ieri come oggi anticipa e detta regolarmente i tempi, rispetto al resto d’Italia. La sua produzione musicale e letteraria è conosciuta non soltanto dagli esperti e dagli appassionati dei generi che attraversa, ma anche dal pubblico dall’orecchio e dall’occhio meno sensibile, che la sensibilità l’acquisisce man mano che affolla i locali in cui si tengono i suoi concerti e che scorre lentamente le pagine dei suoi scritti. Giusto per dire: nel 2013, insieme a Carlo Fava e Folco Orselli, ha dato vita a Scuola Milanese, un format narrativo e musicale che ha prodotto decine di serate alla Salumeria della Musica e ha accompagnato tutte le edizioni di Fuoricinema, mentre in ambito letterario vale la pena di ricordare almeno Fedeli a San Siro, scritto insieme a Tiziano Marelli (Mondadori, 2011) e Tango Milanese (Corsivi del Corriere della Sera, 2014).

Caro Claudio, tu sei un vero milanese, al di là delle origini siciliane di papà. Sei una persona adatta, quindi, a tracciare un profilo della nostra città, visto che la stai attraversando ormai da molti anni. Com’è cambiata e come sta cambiando, secondo te?

“Negli ultimi vent’anni è cambiata molto e anche velocemente. Tutto però è iniziato ben prima, tra la fine degli anni ‘70 e l’inizio degli ‘80, quando il centro e le zone storiche hanno iniziato a trasformarsi da luoghi residenziali in luoghi di lavoro e di shopping. Da inguaribile romantico ho nostalgia del tempo in cui intorno a Piazza Duomo c’erano i panettieri, ma questo è stato il destino di tutte le grandi città occidentali. Milano ha sfruttato bene l’abbrivio dell’Expo e ha riconquistato alcuni primati culturali che negli ultimi decenni si erano un po’ persi. È diventata più bella e attraente; perfino alcune zone, che con la crisi industriale sembravano definitivamente depresse, come Lambrate, si sono rigenerate. Oggi è una città con tanti “centri” e nonostante provenga da Città Studi il luogo che oggi mi piace di più è la Darsena, il simbolo della “Milano città d’acqua”, un altro luogo che con l’Esposizione Universale è diventato più bello e accogliente. Poi, come avviene sempre, in ogni cambiamento ci sono i lati oscuri della medaglia”.

Il cantautore e scrittore milanese Claudio Sanfilippo

Tu lavori nel mondo della musica e della letteratura milanesi, due osservatori privilegiati sulla città. Ma sono davvero privilegiati, questi osservatori? Qual è, a tuo avviso, lo stato dell’arte, riguardo alla musica e alla letteratura, qui da noi? E quali contributi ha portato, secondo te (se lo ha portato) lo sviluppo della Rete e dei Social Network?

Lo stato dell’arte della musica è vivacissimo, a Milano c’è una grande comunità di musicisti di valore. Ma la musica non ha più il suo prodotto di riferimento (il disco) e la Rete, se da un lato aiuta ad aumentare la visibilità, da un altro determina un meccanismo perverso, basato unicamente sui numeri, sulla quantità. E questo produce inevitabilmente un deterioramento trasversale del gusto, dell’ascolto. Ha vinto il modello della musica gratis e quindi la qualità è un valore sempre più relativo. Basta vedere cosa accade durante molti concerti in piccoli locali, la musica “live” viene considerata un sottofondo sul quale si può parlare a volume altissimo, senza alcun rispetto per chi suona.
Abbiamo tanti piccoli locali e alcuni teatri molto belli, ma all’appello mancano i club; l’unico è il Blue Note, ma non ci sono più posti come il Capolinea, il Tangram o la Salumeria della Musica, luoghi che avevano un ruolo importantissimo per dare voce alla musica di qualità in ambienti costruiti appositamente per la musica. Internet, duole dirlo perché sarebbe una grandissima opportunità, ha messo in difficoltà tanti bravi artisti che non hanno voglia, tempo o capacità di maneggiarne gli strumenti. Così capita sempre più frequentemente che un musicista scarso abbia più occasioni di uno bravo, aiutato dal fatto che l’affollamento dell’offerta abbassa ogni giorno di più la soglia di attenzione del pubblico. Non esiste più alcun filtro “editoriale”, il ruolo che nel bene e nel male hanno rivestito le case discografiche e che ormai sono ridotte a fare da management a quei pochi che emergono dai talent-show. Insomma, si creano opportunità, ma si genera anche una confusione letale e un conformismo dilagante nei gusti dominanti. Aggiungiamo anche che in Italia la musica non è prevista nei programmi scolastici, liceo musicale a parte. Nel paese di Verdi e dei liutai sembra un paradosso, ma è così. C’è molto da fare, quindi. L’editoria invece finora si è salvata, forte dell’esperienza nefasta dell’mp3. E’ riuscita a scansare il pericolo della gratuità. Il diritto d’autore, per ora, è salvo. È successo grazie alla classe dirigente dell’industria editoriale, che era ed è largamente superiore rispetto a quella musicale e che è storicamente un settore con un grado di competenza molto più alto. Poi, certo, non sono tutte rose e fiori; stampare un libro oggi costa molto meno, ma l’affollamento delle proposte è spaventoso e ha abbassato, anche qui, sia la qualità media delle pubblicazioni che i ricavi degli scrittori. Non sono più i tempi in cui a pubblicare libri erano esclusivamente scrittori e poeti, oggi la concorrenza più pericolosa per un artista della parola può arrivare da una quindicenne fashion blogger”.

Movida e musica all’aperto: come stiamo a Milano?

“Non frequento la movida, ma credo che quella, a sentire i miei figli, vada benissimo. La musica all’aperto, per quanto vedo io, molto meno. Sarebbe bello uscire dal concetto della “Notte della Musica”, che somiglia al “Black Friday” di Amazon, dove in poche ore si butta nel mucchio una tonnellata di roba. Mi piacerebbe vedere qualche iniziativa permanente, che restituisca alla musica dal vivo una dimensione di qualità. Gli spazi ci sono. Manca un pensiero strategico che valorizzi il patrimonio sommerso, che è enorme. È qualcosa di cui si dovrebbe occupare la politica. Poi, come sempre, ci sono le eccezioni di alcuni locali che provano ad uscire dalla logica del “tributo”, che cercano di valorizzare le proposte originali. La specie però è la stessa degli artisti che tengono botta facendo grandi sacrifici. Il modello è Don Chisciotte, per entrambi”.

Il cantautore e scrittore milanese Claudio Sanfilippo

Ha ancora senso parlare di musica milanese? Non è un po’ fuori dal tempo ascoltare canzoni in dialetto meneghino?

“La musica in milanese, come quella in inglese, in croato, o in swahili, è musica. Per sua natura trascende gli idiomi, la musica è il più sensoriale tra i linguaggi dell’arte. Anzi, non solo ha senso, ma va difesa e incoraggiata perché nasconde veri e propri tesori. Il rischio della cultura global è proprio l’appiattimento e bisogna combatterlo. Le lingue locali, i dialetti, hanno una forza espressiva speciale, che le lingue ufficiali, per quanto dense di storia e letteratura, non possono avere. Se vado a Barcellona trovo gli stessi negozi di Milano, Roma, Londra e Copenaghen, ma sono felice di poter ascoltare una canzone in catalano”.

Milano ha sempre avuto un respiro più ampio dei suoi confini. Tutto quello che la riguarda interessa sia a livello nazionale che internazionale. Pensi che sia in grado, anche oggi, di interpretare questo ruolo? Oppure è stata “colonizzata”, nel senso che questo interesse esterno ha prodotto investimenti economici e finanziari che hanno portato imprenditori, finanzieri e banchieri ad impadronirsene?

“La vocazione di Milano è quella del porto. Nel 1953, sette anni prima che nascessi io, la Darsena era al tredicesimo posto nella classifica degli scali nazionali per il traffico di merci e addirittura al terzo posto per tonnellaggio, prima che si trasformasse in luogo turistico. Milano non può e non deve abiurare alla sua natura di luogo d’incontro, di scambio, è nella sua cultura profonda. Il pericolo della colonizzazione è alto, ma qui il discorso andrebbe spostato nell’ambito dei modelli economici. Il capitalismo di questi anni è feroce e vorace e non credo che oggi la politica abbia forze sufficienti per arginarlo, ormai è l’economia che ne determina le azioni. E’ un discorso lunghissimo, che riguarda il potere”.

Che opinione hai del fenomeno dell’immigrazione a Milano? E in che modo può o potrebbe influenzare la produzione musicale e letteraria milanese?

“Milano è la città italiana che da sempre accoglie e metabolizza le persone che la scelgono e da questo punto di vista continua ad essere un modello. La cultura dell’incontro fa parte della sua natura, è un laboratorio dinamico per tutti gli ambiti artistici, ma l’arte vive di quello che c’è, che sia un crocevia di culture diverse o l’isolamento di eredità tradizionali, un artista tiene conto di quello che gli capita intorno. L’immigrazione non è né bella né brutta, è un dato di fatto generato da situazioni economiche e geopolitiche. Non dimentichiamo che nella maggior parte dei casi riguarda gente che è costretta ad emigrare per campare. Quindi non ne faccio una bandiera né un valore, piuttosto credo che sia giusto affrontarla con il massimo dell’apertura, che a Milano non è mai mancata. Evitando, se possibile, di trasformarla in un terreno demagogico”.

Per concludere, Claudio: Come vedi il futuro di Milano, in relazione anche all’attuale situazione italiana e internazionale?

“Milano deve ridare una chance alla classe media, quella più colpita dalle crisi degli ultimi anni, perché i periodi più fecondi della storia cittadina coincidono con la vitalità di quella “terra di mezzo”. E’ il segreto della cultura interclassista che l’ha sempre contraddistinta e che ha arricchito lo spirito di apertura, di accoglienza. Pochi ricchi e molti poveri non aiutano. E siccome Milano ha la vocazione ad essere città-pilota e laboratorio di idee, credo che nelle sue strade ci siano tutti gli ingredienti per fare un buon lavoro, per fare in modo che si produca ricchezza per la gente che oggi ha di meno. Speremm, come si dice in milanese”…

Ermanno Accardi (giornalista e scrittore)

 

Claudio Sanfilippo – Ilzendelswing

27 Replies to “Claudio Sanfilippo: “A Milano ci sono musicisti di valore, ma oggi all’appello mancano i luoghi per dare voce alla qualità””

  1. jordan shoes ha detto:

    Thank you a lot for giving everyone an exceptionally special possiblity to read from this web site. It really is very useful and full of a great time for me personally and my office co-workers to visit your website the equivalent of three times in one week to see the newest issues you have. And lastly, I am just actually satisfied with the cool opinions you give. Some two points on this page are in truth the most efficient I have ever had.

  2. The BP ha detto:

    Good blog you have got here.. It’s difficult to find high quality writing like yours these days. I truly appreciate individuals like you! Take care!!

  3. nike react ha detto:

    I’m just commenting to make you know of the helpful discovery my wife’s girl developed visiting your blog. She figured out such a lot of pieces, which include what it’s like to possess a marvelous giving spirit to let many others quite simply thoroughly grasp selected multifaceted things. You undoubtedly exceeded visitors’ desires. Thank you for imparting the priceless, safe, informative and in addition unique thoughts on this topic to Janet.

  4. i99Club ha detto:

    You are so interesting! I do not believe I have read through anything like that before. So wonderful to discover somebody with some genuine thoughts on this subject matter. Seriously.. many thanks for starting this up. This site is something that’s needed on the internet, someone with some originality.

  5. Thanks for all your valuable work on this website. My mum delights in doing investigation and it’s really obvious why. My partner and i know all concerning the dynamic medium you deliver invaluable tips on the blog and as well as attract response from others on the situation and our simple princess is truly learning a lot of things. Take pleasure in the remaining portion of the new year. Your conducting a brilliant job.

  6. balenciaga ha detto:

    I want to express my appreciation to you for rescuing me from this type of predicament. As a result of exploring through the world wide web and getting proposals that were not productive, I figured my entire life was over. Existing without the presence of approaches to the problems you have fixed through your main short post is a serious case, and the ones which may have in a negative way damaged my career if I hadn’t noticed the website. Your personal capability and kindness in touching a lot of stuff was valuable. I’m not sure what I would have done if I hadn’t discovered such a thing like this. I am able to at this point look ahead to my future. Thank you so much for this skilled and results-oriented help. I will not hesitate to propose the website to anybody who should receive tips about this subject.

  7. Monisaha ha detto:

    May I just say what a comfort to discover a person that genuinely knows what they are discussing on the internet. You actually know how to bring an issue to light and make it important. More and more people need to look at this and understand this side of the story. I can’t believe you’re not more popular because you surely possess the gift.

  8. nike air max ha detto:

    I want to express thanks to this writer just for rescuing me from this type of circumstance. As a result of researching through the the web and obtaining recommendations that were not pleasant, I was thinking my entire life was well over. Existing without the answers to the issues you’ve solved through your post is a crucial case, and the ones that might have badly damaged my entire career if I hadn’t come across your web blog. Your personal natural talent and kindness in playing with all the stuff was crucial. I don’t know what I would’ve done if I had not come across such a subject like this. I can at this time relish my future. Thank you very much for your specialized and results-oriented help. I won’t be reluctant to refer the website to any individual who requires guidance on this issue.

  9. Needed to draft you one little note to thank you very much again for all the superb opinions you’ve featured here. It is simply incredibly generous with people like you to allow unhampered just what many individuals could possibly have offered for sale for an e-book to get some cash for their own end, even more so given that you might have tried it if you ever wanted. Those ideas additionally acted as a great way to know that someone else have a similar dreams just as mine to figure out a little more in terms of this condition. Certainly there are some more pleasurable moments ahead for individuals that check out your blog post.

  10. i get my art books from barnes and noble that come or amazon, they have some great discount coupons too”

  11. Titus Thone ha detto:

    Aw, this was a really nice post. Finding the time and actual effort to create a superb article… but what can I say… I hesitate a whole lot and don’t seem to get nearly anything done.

  12. I enjoy you because of all your valuable labor on this blog. My niece loves making time for internet research and it’s easy to understand why. My partner and i notice all regarding the powerful way you make very helpful guidance on your web blog and welcome contribution from website visitors on that matter plus our own princess has always been becoming educated a lot. Take advantage of the rest of the year. You are carrying out a pretty cool job.

  13. Usually I don’t learn post on blogs, however I wish to say that this write-up very pressured me to try and do it! Your writing taste has been surprised me. Thank you, quite great article.

  14. Thank you for your own hard work on this web site. My mum takes pleasure in making time for investigations and it’s really easy to see why. Most of us notice all of the lively manner you render advantageous secrets via this blog and improve participation from website visitors about this concept plus our princess is certainly understanding a great deal. Enjoy the remaining portion of the year. You have been conducting a good job.

  15. birkin bag ha detto:

    I precisely needed to say thanks again. I do not know what I might have achieved without the entire hints discussed by you directly on such a concern. It had been a very alarming crisis in my position, nevertheless taking a look at the very skilled form you treated the issue made me to cry over contentment. Extremely happy for this support and even have high hopes you are aware of a great job you’re providing educating people via your web site. I’m certain you have never met all of us.

  16. EliteDefenseTech ha detto:

    I couldn’t resist commenting. Exceptionally well written.

  17. I precisely desired to thank you very much once more. I do not know the things I could possibly have carried out without the type of basics shown by you about that situation. It had become the traumatic crisis in my view, nevertheless looking at the skilled way you managed the issue took me to weep with delight. I’m just happy for the support and have high hopes you recognize what an amazing job you have been getting into educating the rest via your blog. Probably you haven’t got to know all of us.

  18. coach outlet ha detto:

    I and my buddies came reviewing the good secrets on the blog and then all of a sudden developed a terrible suspicion I had not expressed respect to the web site owner for those secrets. These young men ended up absolutely thrilled to read them and have in effect in reality been taking pleasure in these things. I appreciate you for turning out to be simply kind and then for making a decision on varieties of beneficial subject matter millions of individuals are really desirous to be informed on. Our own honest apologies for not expressing appreciation to sooner.

  19. yeezy shoes ha detto:

    I simply wanted to make a note so as to thank you for the pleasant tactics you are giving on this website. My time-consuming internet research has at the end of the day been recognized with professional points to talk about with my colleagues. I ‘d believe that many of us visitors actually are very much lucky to live in a fabulous community with many special professionals with good suggestions. I feel very much privileged to have seen the site and look forward to some more excellent times reading here. Thanks a lot once again for a lot of things.

  20. jordan retro ha detto:

    Thanks for your whole hard work on this website. My aunt really likes participating in research and it’s really easy to see why. I know all regarding the lively medium you create useful secrets via the website and as well attract contribution from website visitors about this area of interest while my simple princess is becoming educated a whole lot. Enjoy the rest of the year. You’re performing a dazzling job.

  21. oprol evorter ha detto:

    Hello There. I found your blog the usage of msn. This is a very neatly written article. I’ll make sure to bookmark it and return to read more of your helpful info. Thanks for the post. I’ll certainly return.

  22. I went over this internet site and I believe you have a lot of superb information, saved to fav (:.

  23. oflewskii ha detto:

    Good post. I certainly appreciate this website. Thanks!

  24. wricefinancial ha detto:

    Hi, I do believe this is a great site. I stumbledupon it 😉 I may come back yet again since I book marked it. Money and freedom is the best way to change, may you be rich and continue to help others.

  25. This seems like the other page here I found

  26. Wow, great stuff. I have been studying this for a few years. I’m glad to hopefully find someone that comes to the same conclusions as me. At least it seems that’s the case. I’ll keep visiting your site to stay informed.

  27. best site ha detto:

    I just want to tell you that I am very new to blogging and site-building and honestly savored this blog site. Most likely I’m going to bookmark your blog post . You surely come with exceptional posts. Many thanks for sharing your blog.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *