Gennaio 1985, “la Signora in bianco” seduce Milano

Milano si racconta

Written by:

La “Signora in bianco” fece la sua comparsa nel pomeriggio del 12 gennaio 1985, dopo una settimana caratterizzata da una massiccia ondata di gelo che aveva attanagliato la città. Era un’assonnata, fredda e buia domenica pomeriggio. Io ero in camera mia, sdraiato sul letto, ad ascoltare musica e a pensare ai fatti miei, a far vagare la mente e a macinare elucubrazioni. Sento la voce di mia madre, in salotto, che guardando dietro i vetri della finestra esclama “Nevica!”. Mi alzo con un balzo felino, sembro un vigile del fuoco pronto a calarsi lungo il tubo per raggiungere l’autopompa. La raggiungo e mi metto ad ammirare lo spettacolo accanto a lei. Tre, lunghissimi giorni di neve ininterrotta, a dir poco eccezionale, con le temperature scese repentinamente a picco, e che oscillavano da meno 12 a zero gradi. Il manto nevoso, in alcuni punti, arrivò a raggiungere uno spessore di 90 centimetri. Sembrava di essere in montagna. Per le strade, molta gente inforcava gli sci per spostarsi. Gli autobus, senza catene da neve, sembravano auto da rally; ad ogni curva, un traguardo difficile da superare, era un testacoda. I bambini facevano a palle di neve, scivolavano sugli slittini e creavano giganteschi pupazzi dappertutto. E per una volta, anche gli adulti si univano a loro, facendo riemergere dalle loro anime il candore dell’infanzia. Ricordo anche le squadre di spalatori, formate da volontari con il tesserino di riconoscimento, gli stivaloni di gomma e i badili saldamente nelle mani. La paura, per tutti, era che l’incanto svanisse, il desiderio era che il tempo si fermasse, immortalando l’immagine di una città così tanto diversa dal solito, di un paesaggio da favola, con le fontane ghiacciate e le stalattiti sui rami. La nevicata più forte registrata a Milano nel Ventesimo secolo. Ma quasi un metro di neve, in città, crea disagi enormi e veri e propri danni, spesso irreparabili. L’eccezionalità del fenomeno provocò caos e problemi a non finire in tutta Milano, comprensibilmente impreparata a una simile situazione. Inoltre, una buona parte delle nostre attrezzature anti-neve erano state precedentemente inviate a Roma, che era stata a sua volta bloccata, qualche giorno prima, il 6 gennaio, da un’altra nevicata di dimensioni anomale. Alcune strade furono nuovamente rese agibili al traffico soltanto dopo l’intervento dell’Esercito, dei carri armati della Caserma Perucchetti, per cercare di liberare le principali arterie urbane schiacciando e spostando la neve con i pesanti cingoli. Vennero messi in campo migliaia di militari, tutti di stanza nelle caserme cittadine o nell’hinterland. Per il carico eccessivo della neve crollò il tetto del Velodromo Vigorelli e il nuovo Palazzetto dello Sport, costruito nella zona di San Siro, venne completamente distrutto e mai più ricostruito. I tetti di molti altri edifici pubblici e privati crollarono a causa del peso della neve accumulata, mentre lungo le strade abbondavano i rami degli alberi che avevano ceduto per l’accumulo nevoso. Le scuole restarono chiuse per una settimana. Gli accumuli della neve, raccolta dentro il centro urbano da centinaia di camion, vennero scaricati nei campi di periferia, dove resistettero fino alla fine della primavera, annerendosi sempre di più con il passare del tempo, a causa dell’inquinamento. La Madonnina del Duomo, da lassù, rabbrividiva e batteva i denti, vegliando sulla città. Scrivo queste poche righe e rivivo quella meravigliosa esperienza, quell’evento fiabesco, assaporo quei momenti come la neve fresca sulle labbra, raccolta dal tetto di una macchina. Le immagini del tempo passato hanno sempre qualcosa di curioso e di nostalgico, ma quelle, credetemi (e mi rivolgo soprattutto a quelli tra voi che non c’erano), sono state davvero eccezionali…

(brano tratto dal libro “Milano Meravigliosa”, di Ermanno Accardi – Edizioni della Sera, 2013)

6 Replies to “Gennaio 1985, “la Signora in bianco” seduce Milano”

  1. check my source ha detto:

    I simply want to mention I am just very new to blogging and site-building and really enjoyed this web page. Almost certainly I’m going to bookmark your blog post . You actually have fantastic articles and reviews. Thanks a bunch for sharing your website page.

  2. Johnf119 ha detto:

    I know this if off topic but I’m looking into starting my own blog and was curious what all is required to get set up? I’m assuming having a blog like yours would cost a pretty penny? I’m not very web savvy so I’m not 100 positive. Any recommendations or advice would be greatly appreciated. Thanks bdkgdaffbfbd

  3. Johne49 ha detto:

    You’re so interesting! I don’t think I have read anything like this before. So wonderful to discover somebody with some unique thoughts on this subject matter. Seriously.. thank you for starting this up. This website is one thing that is needed on the internet, someone with a bit of originality! dbeefeecddaa

  4. Johnc605 ha detto:

    Hi there, just became aware of your blog through Google, and found that it is really informative. Im going to watch out for brussels. Ill be grateful if you continue this in future. Lots of people will be benefited from your writing. Cheers! cbeeeekegbce

  5. Johnd426 ha detto:

    I’ve long suggested that people seeking to gett a good understanding of this speciific topic spread their research acrooss many blogs cdaddbagdded

  6. Johnk987 ha detto:

    I do agree with all the ideas you have introduced for your post. They are really convincing and can certainly work. Still, the posts are very brief for newbies. May you please extend them a bit from subsequent time? Thank you for the post. dafaddbafeeb

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *