Angelica Russotto: “La Milano da bere non c’è più, ma quella di oggi non è cambiata in meglio”

Milano è femmina

Written by:

E’ siciliana per sbaglio, perché Licata, un grosso centro dell’Agrigentino, le ha dato soltanto i natali. Dopo appena quattro mesi di vita, infatti, si è ritrovata, inconsapevolmente fortunata, fra le braccia della sua Milano, la città che tanto ama, che tanto le ha dato e per la quale prova profonda gratitudine. Una gratitudine che si manifesta anche e soprattutto attraverso i suoi due libri di successo, “Quando Milano era da bere” e “La fine delle bugie”. Angelica Russotto è una femmina siculo-milanese dai tratti caratteriali molto forti, ma con un cuore tenero e sempre pronto a trasmettere alle sue mani quelle emozioni e quei sentimenti che traspaiono chiaramente dalle pagine dei suoi scritti. “Credo che più che le origini (che pur lasciano nel nostro Dna tracce indelebili) valgano i luoghi dove siamo cresciuti, dove abbiamo affrontato la realtà, l’istruzione scolastica, il lavoro e le amicizie”, esordisce la scrittrice. “Milano mi ha forgiata, mi ha fatto conoscere persone interessanti, di ogni ceto sociale, mi ha fornito una lente critica che forse non avrei avuto in un altro luogo, soprattutto grazie al mondo lavorativo che ho frequentato: l’editoria, le aziende multinazionali e in particolare le agenzie di comunicazione e di pubblicità, tanto che ne ho fondato una mia, prima di passare totalmente alla scrittura. I miei due romanzi sono ambientati negli anni ‘80, in quella cosiddetta “Milano da bere” di cui ancora oggi si parla moltissimo, spesso mitizzandola. I racconti partono da esperienze di vita della mia gioventù, di cui Milano è stata il palcoscenico, crescendo e cambiando insieme alle due protagoniste. E sto scrivendo un terzo libro, che partirà questa volta non dalla “Milano by night” di quegli anni e dei locali eleganti e alla moda, ma dalla città di oggi, dalle periferie milanesi, che sono spesso il triste palcoscenico di una grande solitudine umana”.

“Quando Milano era da bere” e “La fine delle bugie”, i due romanzi di Angelica Russotto ambientati nel capoluogo lombardo

Com’è cambiata e come sta cambiando Milano, secondo te?

“Guarda, la Milano di oggi è davvero molto diversa dalla mia Milano degli anni ‘80, quelli della mia gioventù. Nonostante li abbiano definiti “anni di plastica” erano anni più gioiosi; venivamo dagli anni di piombo, c’era una gran voglia di lasciarsi alle spalle quel periodo buio, c’era una generosità contagiosa, non c’erano i telefonini, non c’erano i social network, ci si incontrava, ci si parlava guardandosi negli occhi. Ma nei miei scritti non ho tracciato un ritratto mitizzato di quell’epoca, ho evidenziato anche gli aspetti meno belli, come ad esempio l’uso smodato di cocaina, la superficialità e il benessere ostentato”.

Tu hai lavorato per diversi anni nel mondo della pubblicità, un osservatorio privilegiato sulla città. Ma è davvero privilegiato, questo osservatorio? Qual è, a tuo avviso, lo stato dell’arte, riguardo alla pubblicità e alla comunicazione cittadine? E quali contributi ha portato (se lo ha portato) lo sviluppo di Internet e dei Social Network?

“Credo di sì. Il mio lavoro mi ha dato modo di entrare in mondi all’apparenza felici e di grandi soddisfazioni. Ho conosciuto molti manager, molti dirigenti di aziende importanti votati alla carriera e ai soldi a tutti i costi. Spesso sono stati consumati da questa corsa all’oro, perdendo così l’occasione che solo la giovinezza ci dà: l’incoscienza e il desiderio di esplorare, chiusi in un mondo lavorativo che tra target e obiettivi da raggiungere gliel’ha fatta perdere di vista. I Social Network hanno portato molto e hanno tolto altrettanto, come ho detto prima. Oggi è più semplice farsi pubblicità e farsi conoscere ed io per prima li utilizzo per divulgare i miei romanzi. Allo stesso tempo, però, ci hanno impigriti e isolati, chiusi dentro uno smartphone o un computer”.

Milano ha sempre avuto un respiro più ampio dei suoi confini. Tutto quello che la riguarda interessa sia a livello nazionale che internazionale. Pensi che sia in grado anche oggi di interpretare questo ruolo, oppure è stata “colonizzata”, nel senso che questo interesse esterno ha prodotto investimenti economici e finanziari che hanno portato imprenditori, finanzieri e banchieri ad impadronirsene?

“Sono successe entrambe le cose. Ricordo un paio di incontri avuti a New York nei primi anni ’90. Quando dicevo di essere di Milano mi veniva detto: “E’ una città che adoriamo, è la città italiana che sentiamo più vicina alla nostra metropoli.”. E poi giù con l’elenco dei marchi di moda che ci hanno resi famosi nel mondo, da Armani, a Valentino, a Versace. Oggi questi marchi sono quasi tutti passati in mani straniere e questo è un vero peccato. Milano in questi anni ha suscitato gli appetiti di molti investitori internazionali, intere zone della città sono state comprate, per esempio, da arabi e cinesi. La città oggi è più visitata dai turisti, ma nello stesso tempo si è omologata a molte altre città internazionali, con gli stessi negozi, le stesse vetrine, gli stessi prodotti che si trovano ovunque. Questo ha portato denaro, però l’ha un po’ spersonalizzata. Penso a cos’era, sempre per fare un esempio, il quartiere di Brera, “il quartiere degli artisti”, negli anni ’80. C’era un’intimità che oggi si è innegabilmente persa. E gli artisti di strada, purtroppo, non ci sono più”.

La scrittrice siculo-milanese Angelica Russotto

Ritieni Milano una città a misura di donna? Ambiti come la cultura, la sicurezza e il lavoro privilegiano la condizione femminile?

“Credo che Milano per le donne che vogliono realizzarsi nel lavoro sia stata sempre all’avanguardia, nel nostro Paese. Io per prima ho avuto opportunità che forse non avrei avuto in un altro luogo. L’apertura mentale di Milano mi ha resa una donna libera di potermi esprimere. E sul piano culturale non ha eguali per le donne: manifestazioni, incontri e dibattiti ci offrono ogni giorno spunti di riflessione e di approfondimento”.

Che opinione hai del fenomeno dell’immigrazione a Milano? In fondo, anche tu sei un’immigrata…

“L’immigrazione incontrollata ha fatto finora grandi danni. I miei genitori sono immigrati dalla Sicilia in tempi in cui c’erano tante opportunità di lavoro, tanta voglia di rimboccarsi le maniche e di integrarsi. Oggi temo che stia avvenendo il contrario. Non voglio generalizzare, ma questa voglia di integrarsi spesso non la vedo, anzi. Al contrario, mi pare evidente il rischio che ci vengano imposti sempre di più un credo religioso e un arretramento culturale rispetto alle conquiste ottenute con grande fatica, soprattutto da noi donne”.

Per concludere, Angelica: come vedi il futuro di questa città, in relazione anche all’attuale situazione italiana e internazionale?

“Non ho la sfera di cristallo, ma il futuro è già in atto ed è sotto i nostri occhi. Spero che ci sia la voglia, da parte delle Istituzioni, di salvaguardare e promuovere nel mondo la nostra cultura e la nostra capacità creativa. Milano può ancora essere un esempio, nonostante crisi finanziarie ed economiche dettate da molti egoismi “globali” abbiano ridotto le possibilità di mettersi in gioco per tanti giovani. Ci vuole molta tenacia e perseveranza, però in fondo ce ne voleva anche negli anni ‘80. Insomma, ci sono corsi e ricorsi della Storia. Forse questi anni fanno davvero schifo, ma sono gli anni della nostra vita. Non sciupiamoli nella passività dell’indignazione: coraggio, usciamo da casa, usciamo dal fosso”…

Ermanno Accardi (giornalista e scrittore)

23 Replies to “Angelica Russotto: “La Milano da bere non c’è più, ma quella di oggi non è cambiata in meglio””

  1. AllVidd ha detto:

    I’m excited to find this website. I need to to thank you for ones time just for this wonderful read!! I definitely enjoyed every little bit of it and I have you book-marked to see new stuff in your blog.

  2. fila shoes ha detto:

    I want to show some thanks to the writer for rescuing me from this particular matter. Because of checking throughout the world wide web and meeting opinions which were not pleasant, I figured my entire life was done. Existing minus the approaches to the difficulties you have sorted out by means of your report is a crucial case, as well as those that might have in a negative way damaged my career if I hadn’t noticed the blog. Your talents and kindness in controlling every item was priceless. I don’t know what I would have done if I hadn’t encountered such a step like this. It’s possible to at this time look ahead to my future. Thanks so much for this professional and effective help. I will not think twice to endorse the website to any person who should have support about this situation.

  3. EliteDefenseTech ha detto:

    You’ve made some really good points there. I looked on the net to learn more about the issue and found most people will go along with your views on this web site.

  4. curry 4 shoes ha detto:

    A lot of thanks for all of the effort on this site. Kate takes pleasure in managing investigation and it’s really simple to grasp why. We hear all relating to the powerful ways you give great tricks through this blog and therefore cause participation from other people on that idea and our princess is in fact being taught so much. Have fun with the rest of the new year. You are always carrying out a powerful job.

  5. PetExpress ha detto:

    You’ve made some decent points there. I looked on the net to learn more about the issue and found most people will go along with your views on this website.

  6. Scarlett Chicalace ha detto:

    I was more than happy to find this web site. I want to to thank you for ones time for this fantastic read!! I definitely really liked every part of it and i also have you book-marked to see new things in your website.

  7. moncler sale ha detto:

    I just wanted to post a simple message to be able to say thanks to you for the stunning tips you are giving on this website. My rather long internet investigation has now been compensated with incredibly good facts and techniques to share with my great friends. I ‘d tell you that many of us website visitors are very fortunate to be in a useful website with so many wonderful professionals with helpful concepts. I feel rather fortunate to have used your entire site and look forward to tons of more excellent moments reading here. Thanks again for everything.

  8. Masternode ha detto:

    I must thank you for the efforts you have put in writing this website. I am hoping to see the same high-grade content by you in the future as well. In truth, your creative writing abilities has inspired me to get my own site now 😉

  9. I intended to post you a little bit of note to be able to thank you yet again for those magnificent pointers you’ve documented in this article. It has been unbelievably generous of you to present easily what a number of people would’ve distributed for an electronic book to help make some dough for themselves, principally considering the fact that you could have tried it in case you desired. Those guidelines as well served as the easy way to be certain that other individuals have similar passion much like my very own to understand many more with regard to this problem. I think there are a lot more fun instances up front for those who find out your website.

  10. Angele Zukas ha detto:

    I have to thank you for the efforts you’ve put in writing this blog. I really hope to see the same high-grade blog posts by you in the future as well. In fact, your creative writing abilities has motivated me to get my very own blog now 😉

  11. scansunshine ha detto:

    May I simply say what a relief to find somebody that really understands what they are discussing online. You definitely realize how to bring a problem to light and make it important. A lot more people should check this out and understand this side of the story. It’s surprising you’re not more popular given that you definitely possess the gift.

  12. ledmaskofficial ha detto:

    I like reading an article that will make men and women think. Also, thank you for allowing for me to comment.

  13. HealthBuks ha detto:

    You should take part in a contest for one of the highest quality sites on the internet. I will recommend this site!

  14. KweenMothaHair ha detto:

    Greetings! Very helpful advice in this particular article! It is the little changes that will make the greatest changes. Thanks for sharing!

  15. DCSsystems ha detto:

    It’s difficult to find educated people about this subject, but you sound like you know what you’re talking about! Thanks

  16. Chung Scullion ha detto:

    Way cool! Some very valid points! I appreciate you writing this post and the rest of the website is also really good.

  17. oflewskii ha detto:

    After going over a number of the articles on your web page, I truly appreciate your way of blogging. I added it to my bookmark website list and will be checking back soon. Take a look at my web site as well and let me know how you feel.

  18. I don’t even know how I ended up here, but I thought this post was great. I do not know who you are but certainly you are going to a famous blogger if you are not already Cheers! xrumer

  19. webtalk ha detto:

    Hi, I do think this is a great web site. I stumbledupon it 😉 I’m going to come back yet again since I bookmarked it. Money and freedom is the greatest way to change, may you be rich and continue to help others.

  20. This reminds me of the other page here I saw

  21. Yay google is my king assisted me to find this outstanding website ! .

  22. anonymous ha detto:

    I just want to mention I am just very new to blogs and certainly enjoyed your website. Most likely I’m want to bookmark your site . You absolutely come with terrific article content. Thanks a bunch for sharing with us your blog.

  23. Alberto Beretta ha detto:

    Non mi è piaciuto moltissimo questo brano: ‘“L’immigrazione incontrollata ha fatto finora grandi danni. I miei genitori sono immigrati dalla Sicilia in tempi in cui c’erano tante opportunità di lavoro, tanta voglia di rimboccarsi le maniche e di integrarsi. Oggi temo che stia avvenendo il contrario. Non voglio generalizzare, ma questa voglia di integrarsi spesso non la vedo, anzi. Al contrario, mi pare evidente il rischio che ci vengano imposti sempre di più un credo religioso e un arretramento culturale rispetto alle conquiste ottenute con grande fatica, soprattutto da noi donne”.’ Pensavo fossi un po’ più aperta da questo punto di vista, mi spiace leggere questo. Ma forse ho frainteso qualcosa al riguardo. Che l’immigrazione non abbiamo saputo gestirla, nemmeno a Milano, come si deve, è abbastanza vero, comunque. La terza storia milanese potrebbe essere basata proprio su questo.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *